CONTRIBUTI COVID -19 ALLE IMPRESE SONO (NON SONO) AIUTI DI STATO? RISPOSTA DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE N. 494 DEL 21 OTTOBRE 2020

AGENZIA DELLE ENTRATE RISPOSTA N. 494 DEL 21 OTTOBRE 2020: Trattamento fiscale dei contributi economici alle aziende durante l’emergenza COVID-19

Risposta n. 494

OGGETTO: Trattamento fiscale dei contributi economici erogati una tantum dal Comune in favore di talune attività di impresa del proprio territorio, soggette a chiusura durante l’emergenza sanitaria determinata da COVID-19
Con l’interpello specificato in oggetto è stato esposto il seguente

QUESITO

La Giunta Comunale del Comune istante, con propria deliberazione, ha approvato delle linee di indirizzo per l’erogazione di contributi economici una tantum a favore di talune attività di impresa del proprio territorio, soggette a chiusura durante l’emergenza sanitaria determinata da COVID-19, stabilendo una diversificazione del contributo erogabile sulla base del danno economico subito dalle imprese stesse.
L’intervento deliberato a favore delle imprese del territorio comunale trae spunto da quanto disposto dal Governo nazionale relativamente al contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 25 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (cd. decreto Rilancio) recante «Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19».

Al riguardo, l’Istante rappresenta che il contributo, quale intervento di carattere straordinario e sociale, secondo i fini istituzionali e umanitari cui è preposto, in sede di erogazione è stato assoggettato a ritenuta d’acconto del 4 per cento, ai sensi dell’articolo 28 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600.
Con l’istanza di interpello in esame, il Comune istante chiede conferma se sia corretto applicare la predetta ritenuta del 4 per cento.

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

L’Istante, in considerazione della grave situazione economica e sociale che sta vivendo il Paese e che hanno portato il Governo centrale all’erogazione di contributi a favore delle imprese con il «decreto Rilancio» e della stretta affinità che tale forma di sostegno sociale presenta con i contributi oggetto della citata deliberazione comunale, ritiene che questi ultimi debbano essere sottoposti al medesimo trattamento tributario e non debbano pertanto essere assoggettati alla ritenuta a titolo di acconto di cui all’articolo 28, comma 2, del citato d.P.R. n. 600 del 1973.

PARERE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

L’articolo 25 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, dal titolo «Contributo a fondo perduto», al comma 1 prevede che «Al fine di sostenere i soggetti colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid-19”, è riconosciuto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA di cui al testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917».
Il successivo comma 7 dispone, che «Il contributo di cui al presente articolo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi, non rileva altresì ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, e non concorre alla formazione del valore della produzione netta, di cui al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446».
È, inoltre, previsto che al fine di ottenere il contributo a fondo perduto, i soggetti interessati presentano, esclusivamente in via telematica, un’istanza all’Agenzia delle entrate con l’indicazione della sussistenza dei requisiti richiesti.
Sulla base delle informazioni contenute nell’istanza, il contributo a fondo perduto è corrisposto dall’Agenzia delle entrate mediante accreditamento diretto in conto corrente bancario o postale intestato al soggetto beneficiario. I fondi con cui elargire i contributi sono accreditati sulla contabilità speciale intestata all’Agenzia delle entrate.
Infine, è disposto che l’Agenzia delle entrate provvede al monitoraggio delle domande presentate e dell’ammontare complessivo dei contributi a fondo perduto richiesti e ne dà comunicazione con cadenza settimanale al Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.
Ciò rappresentato, dunque, il contributo a fondo perduto previsto dall’articolo 25 del «decreto Rilancio» per espressa previsione normativa non concorre alla formazione della base imponibile, ai fini Ires ed Irap e, pertanto, non è soggetto alla ritenuta prevista dall’articolo 28 del d.P.R. n. 600 del 1973.
Il medesimo trattamento non può essere applicato ad altre fattispecie in ragione della circostanza che le norme di esenzione in materia tributaria, per effetto della loro natura derogatoria di carattere speciale, sono di stretta interpretazione, ai sensi dell’articolo 12 delle preleggi.
Ciò posto, in assenza di una espressa previsione di legge che escluda la rilevanza ai fini delle imposte sui redditi dei contributi pubblici, occorre far riferimento alle ordinarie regole che ne disciplinano la tassazione diretta.
Al riguardo, si rileva che ai fini delle imposte dirette, ai sensi dell’articolo 85, comma 1, del Testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, (Tuir), «sono considerati ricavi (…):
g) i contributi in denaro, o il valore normale di quelli, in natura, spettanti sotto qualsiasi denominazione in base a contratto;
h) i contributi spettanti esclusivamente in conto esercizio a norma di legge».
I contributi in conto capitale, diversamente, sono disciplinati dal comma 3, dell’articolo 88 del Tuir, in base al quale «Sono inoltre considerati sopravvenienze attive (…):
b) i proventi in denaro o in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità, esclusi i contributi di cui alle lettere g) e h) del comma 1 dell’articolo 85 e quelli per l’acquisto di beni ammortizzabili indipendentemente dal tipo di finanziamento adottato».
I contributi disciplinati dalla norma richiamata, definiti «in conto capitale», non sono correlati a specifici fattori produttivi (siano essi di esercizio che a fecondità ripetuta) consistendo in un generico potenziamento dell’apparato produttivo dell’impresa beneficiaria e, di conseguenza, assumono rilevanza fiscale – come sopravvenienze – nel momento in cui entrano nella disponibilità materiale e giuridica del percettore.
Tali contributi, concorrono al reddito interamente nell’esercizio in cui sono stati conseguiti ovvero, a scelta del contribuente, nell’esercizio stesso e nei successivi ma non oltre il quarto in quote costanti.
I contributi concessi specificamente in relazione all’acquisto di beni ammortizzabili, i c.d. «contributi in conto impianti», non generano né sopravvenienze attive né ricavi, bensì rilevano in diminuzione del costo fiscalmente riconosciuto del cespite cui afferiscono.
Ciò significa che contributi in conto impianti non assumono autonoma rilevanza fiscale ma devono essere ripartiti in base alla vita utile del bene per il quale sono stati concessi.
Tale obiettivo può essere raggiunto, secondo quanto indicato dal principio contabile OIC 16 paragrafo 88, lettere a) e b).
Come precisato con la risoluzione 22 gennaio 2010, n. 2/E, si deve tenere presente che il criterio distintivo tra ciascun tipo di contributo consiste nella finalità per la quale viene assegnato, desumibile dalle singole leggi agevolative: i contributi in «conto esercizio» sono destinati a fronteggiare esigenze di gestione; i contributi in «conto capitale» sono finalizzati ad incrementare i mezzi patrimoniali dell’impresa, senza che la loro erogazione sia collegata all’onere di effettuare uno specifico investimento; mentre i contributi in «conto impianti» sono erogati con il vincolo di acquisire o realizzare beni strumentali ammortizzabili, ai quali vengono parametrati.
Ciò considerato, si osserva che il secondo comma dell’articolo 28 del d.P.R. n. 600 del 1973 prevede che «Le regioni, le provincie, i comuni, gli altri enti pubblici e privati devono operare una ritenuta del quattro per cento a titolo di acconto delle imposte indicate nel comma precedente e con obbligo di rivalsa sull’ammontare dei contributi corrisposti ad imprese, esclusi quelli per l’acquisto di beni strumentali».
In relazione all’ambito di applicazione di tale disposizione, è stato precisato che la norma in commento individua i soggetti su cui grava l’obbligo di operare la ritenuta, identificandoli nelle regioni, province, comuni ed altri enti pubblici e privati, delimitando il proprio ambito di applicazione al rispetto di due condizioni (soggettiva e oggettiva), ovvero che:
a) il destinatario del contributo sia un’impresa;
b) i contributi non siano destinati all’acquisto di beni strumentali (cfr., tra l’altro, risoluzioni 17 giugno 2002, n. 193/E, e 4 agosto 2004, n. 108/E).
Per quanto riguarda l’ambito oggettivo di applicazione della disposizione, si osserva che la norma non individua esattamente i contributi assoggettati a ritenuta, ma si limita ad indicare quelli esclusi, dettando sostanzialmente un principio di carattere generale in forza del quale tutti i contributi corrisposti alle imprese dalle regioni, province e comuni, dagli enti pubblici e privati subiscono la ritenuta alla fonte a titolo di acconto, con la sola esclusione dei contributi per l’acquisto dei beni strumentali.
Nel caso di specie, in relazione al contributo (deliberato dal Comune a favore delle imprese in difficoltà economica a seguito della pandemia causata dal Covid-19), non è rinvenibile nell’ordinamento una norma che ne escluda la tassazione e, pertanto, allo stesso trova applicazione il regime fiscale sopra delineato.
In particolare, è rappresentato che “il contributo deliberato dal Comune è rivolto principalmente ad imprese a conduzione familiare, la cui mancata attività economica comporta una grave crisi finanziaria e sociale. Di conseguenza tale contributo assume la caratteristica di intervento sociale a sostegno di situazioni di bisogno e non al reddito di impresa”. Pertanto, detto contributo non è diretto all’acquisto di beni strumentali, bensì si sostanzia in un sostegno economico straordinario alle imprese.
In assenza, pertanto, di disposizioni che riconoscono un regime fiscale di favore a tali erogazioni, la scrivente ritiene che il contributo in esame assuma rilevanza ai fini delle imposte sui redditi e sia da assoggettare, al momento dell’erogazione, alla ritenuta a titolo d’acconto nella misura del 4 per cento prevista dal secondo comma dell’articolo 28 del d.P.R. n. 600 del 1973, come correttamente riportato anche nella citata delibera comunale.
IL DIRETTORE CENTRALE
(firmato digitalmente)

SCARICA IL PDF DEL DOCUMENTO

Decreto Mef n. 212342 del 3 novembre 2020 concernente la certificazione della perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19

Pareggio di bilancio enti locali 2020

Decreto Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell’interno, n. 212342 del 3 novembre 2020 concernente la certificazione della perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19

In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell’interno, n. 212342 del 3 novembre 2020, concernente la certificazione della perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate a vario titolo dallo Stato a ristoro delle minori entrate e delle maggiori spese connesse alla predetta emergenza, ai sensi dell’articolo 39, comma 2, del decreto legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126.

Le città metropolitane, le province, i comuni, le unioni di comuni e le comunità montane, beneficiari delle risorse di cui all’articolo 106 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, e all’articolo 39 del  decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126, trasmettono, entro il termine perentorio del 30 aprile 2021 al Ministero dell’economia e delle finanze, Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, utilizzando il sistema web appositamente previsto per il pareggio di bilancio nel sito web all’indirizzo http://pareggiobilancio.mef.gov.it, una certificazione della perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate a vario titolo dallo Stato a ristoro delle minori entrate e delle maggiori spese connesse alla predetta emergenza, firmata digitalmente, ai sensi dell’articolo 24 del codice dell’amministrazione digitale (CAD) di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio finanziario e dall’organo di revisione economico-finanziaria, attraverso un modello e con le modalità definiti con il citato decreto interministeriale n. 212342.

Gli enti locali ai quali, ai sensi dell’articolo 248, comma 1, del decreto legislativo n. 267 del 2000, a seguito della dichiarazione di dissesto, sono sospesi i termini per la deliberazione del bilancio, sono tenuti, comunque, ad assolvere gli obblighi riferiti alla compilazione del modello nei termini e secondo le modalità del presente decreto.

Per gli enti locali delle regioni Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e di Bolzano che esercitano funzioni in materia di finanza locale in via esclusiva, gli obblighi di certificazione sono assolti per il tramite delle medesime regioni e province autonome, secondo le modalità indicate nell’allegato 1 del citato decreto interministeriale.

In particolare, ai fini della certificazione di cui all’articolo 39, comma 2, del decreto legge n. 104 del 2020,  gli enti locali indicati nel decreto interministeriale, sono tenuti a trasmettere al Ministero dell’economia e delle finanze-Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, entro il termine perentorio del 30 aprile 2021, utilizzando l’applicativo web http://pareggiobilancio.mef.gov.it con le modalità definiti con il richiamato decreto interministeriale n. 212342 del 3 novembre 2020:

  • le informazioni riguardanti la perdita di gettito connessa all’emergenza epidemiologica da COVID-19, al netto delle minori spese e delle risorse assegnate a vario titolo dallo Stato a ristoro delle minori entrate e delle maggiori spese connesse alla predetta emergenza (modello “ COVID-19”) e l’elenco dei provvedimenti per l’adozione di politiche autonome di aumento o riduzione di aliquote e/o tariffe 2020 rispetto al 2019 e/o di agevolazioni 2020 rispetto al 2019, ivi incluse le agevolazioni specifiche per COVID-19 (modello “COVID-19-Delibere”);
  • la certificazione di cui sopra, firmata digitalmente, ai sensi dell’articolo 24 del codice dell’amministrazione digitale (CAD) di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, dal rappresentante legale, dal responsabile del servizio finanziario e dall’organo di revisione economico-finanziaria (modello “CERTIF-COVID-19”);
  • l’elenco dei provvedimenti inseriti nel modello “COVID-19-Delibere”, riprodotto automaticamente dal sistema in fase di certificazione e riportato nel modello “CERTIF-COVID-19/A”.

Con successivo comunicato sarà resa nota la data a partire dalla quale saranno messi in linea i prospetti di cui sopra ai fini della trasmissione sull’applicativo web http://pareggiobilancio.mef.gov.it .Si comunica che i dati richiesti devono essere espressi in euro e non sono ammessi valori con decimali e che, per le finalità di cui al presente decreto, la certificazione digitale risulta validamente trasmessa ai sensi dell’articolo 39, comma 2 del decreto legge n. 104 del 2020, se lo “ stato” finale del documento riporta la dicitura “inviato e protocollato” e che sarà considerata l’u ltima certificazione che risulta nello stato di “inviato e protocollato”.

Si segnala che, ai sensi del comma 3 dell’articolo 39 del predetto decreto legge n. 104 del 2020, gli enti locali che non trasmettono, entro il termine perentorio del 30 aprile 2021, la certificazione di cui al comma 2 del medesimo articolo 39 sono assoggettati ad una riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio, dei trasferimenti compensativi o del fondo di solidarietà comunale in misura pari al 30 per cento dell’importo delle risorse attribuite, ai sensi del primo periodo del comma 2, da applicare in dieci annualità a decorrere dall’anno 2022. A seguito dell’invio tardivo della certificazione, le riduzioni di risorse non sono soggette a restituzione.

Infine, in caso di incapienza delle risorse, operano le procedure di cui all’articolo 1, commi 128 e 129, della legge 24 dicembre 2012, n. 228.

Eventuali chiarimenti o richieste di supporto possono essere trasmessi ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

VIDEO MEETING SU “CERTIFICAZIONI SANZIONI CDS 2019 A FIRMA DEL RESPONSABILE FINANZIARIO” MERCOLEDI’ 30 SETTEMBRE ORE 18

 VIDEO MEETING SU “CERTIFICAZIONI SANZIONI CDS 2019 A FIRMA DEL RESPONSABILE FINANZIARIO” MERCOLEDI’ 30

ENTRA ATTRAVERSO IL LINK

https://us02web.zoom.us/j/84139398389

Meeting ID: 841 3939 8389

Come comunicare l’utilizzo dei proventi delle sanzioni al codice stradale

Come comunicare l’utilizzo dei proventi delle sanzioni al codice stradale

tratto da quotidianopa.leggiditalia.it

Come comunicare l’utilizzo dei proventi delle sanzioni al codice stradale

di Roberto Rossetti – Comandante Polizia Locale

L’art. 142, comma 12-quater, del Nuovo Codice della Strada (D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285) come introdotto dalla L. 29 luglio 2010, n. 120) ha previsto l’obbligo per gli enti locali di presentare annualmente ed in forma telematica, entro il 31 maggio di ogni anno (per il 2020 era già stato previsto in prima applicazione ed indipendentemente dalla emergenza sanitaria in atto, la possibilità di effettuare la predetta comunicazione entro il 30 settembre 2020) una relazione contenente l’ammontare complessivo dei proventi relativi alle sanzioni comminate per violazioni al C.d.S. di propria spettanza, ai sensi degli artt. 142, comma 12-bis e 208 del codice stesso, con l’illustrazione degli interventi realizzati con tali risorse.

Con D.M. 30 dicembre 2019 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministero dell’Interno, avevano approvato il modello contenente le informazioni richieste per la comunicazione sull’utilizzo dei proventi, il cui schema dovrà essere obbligatoriamente utilizzato.

Il Ministero dell’Interno, con la circolare 7 luglio 2020 prot. n. 64965, nell’informare l’approntamento della prevista piattaforma telematica e nel precisare che la Conferenza Stato-città ed autonomie locali ha espresso il proprio parere favorevole il 23 giugno 2020, fornisce le istruzioni operative da seguire per una corretta utilizzazione del sistema informatico, sia per la trasmissione annuale sia per le annualità pregresse che riguardano gli anni dal 2012 al 2018.

La piattaforma informatica predisposta per l’inoltro della relazione al Ministero dell’Interno sarà accessibile da parte di ogni ente interessato sul sito web della Direzione Centrale della Finanza Locale all’indirizzo web: https://finanzalocale.interno.gov.it/apps/tbel.php/login/verify.

Per il solo anno 2020 (l’anno di riferimento è quello a cui si riferisce la relazione e cioè l’anno finanziario precedente a quello di presentazione della relazione stessa) sarà possibile accedervi per il mese di settembre e, per i ritardatari, l’applicazione sarà disponibile anche per il mese di ottobre. Dopo tale data la procedura sarà chiusa.

Il Ministero precisa che:

  1. i dati conoscitivi di ciascun ente e l’anno di riferimento della relazione sono inseriti automaticamente dal sistema;

– per proventi si intendono le somme incassate nell’anno a cui si riferisce la relazione anche se non coincidenti con le somme accertate nello stesso anno o ad accertamenti di anni precedenti al netto delle spese occorse per i relativi procedimenti amministrativi;

  1. i dati contabili si intendono acquisiti dal rendiconto approvato oppure da verbale di chiusura (selezionando almeno un “SI” la procedura consente di inserire i dati contabili);

– nel quadro 1 (sezioni da A a D)

– – nella sezione A si inseriscono tutti i proventi delle sanzioni riscosse, eccetto quelle relative alle violazioni dell’art. 142, comma 12-bis (superamento dei limiti di velocità accertati con sistemi di rilevazione automatica, i quali vanni indicati con importi della misura del 100% nella sezione B, se comminate da propri organi di polizia su strade di competenza e in concessione);

– – le sezioni C e D sono relative, rispettivamente, ai proventi incassati per accertamenti compiuti su strade di altri enti (da indicare con importo al 50%) ed alle sanzioni comminate su strade di proprietà dell’ente, ma da parte di organi di polizia dipendenti da altri enti;

– – i totali sono calcolati automaticamente dal sistema e si riferiscono al totale dei proventi sezioni relative agli accertamenti sui limiti di velocità – B+C+D – ed il totale di tutti i proventi – sezioni A+B+C+D;

– – in queste sezioni, rispettivamente, gli enti beneficiari a cui sono erogati il 50% delle sanzioni e gli enti versanti, vanno individuati selezionando dai menù a tendina la tipologia e la descrizione dell’ente;

  1. nel quadro 2 sono indicati i proventi derivanti dall’accertamento delle violazioni delle norme del codice della strada, ad eccezione delle violazioni dei limiti massimi di velocità e nella prima colonna sono descritte le tipologie di intervento previste dall’art. 208, comma 4, C.d.S., mentre nella seconda colonna viene inserito l’insieme delle risorse finanziarie destinate alla loro realizzazione; il totale viene calcolato automaticamente dal sistema; nel quadro 3 è relativo ai soli proventi derivanti dall’accertamento delle violazioni dei limiti massimi di velocità e si compone di due sezioni corrispondenti alle attività previste dall’art. 142, comma 12-ter (realizzazione di interventi di manutenzione e messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, ivi comprese la segnaletica, le barriere, ed i relativi impianti, nonché al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, ivi comprese le spese relative al personale) e nella colonna “totale euro” vanno inserite le risorse finanziarie che l’ente decide di utilizzare per le cennate attività, mentre il totale viene calcolato automaticamente dal sistema;
  2. il quadro 4, relativo all’utilizzo dei proventi ai sensi dell’art. 208, comma 1, C.d.S., è diviso in più sezioni, in funzione delle tipologie di interventi decisi dall’ente ai sensi dell’articolo 208, comma 4, lett. a, b e c, D.Lgs. n. 285/1992e vanno indicati sinteticamente gli interventi realizzati o in corso di realizzazione (nella colonna “costo in euro” deve essere inserito il costo complessivo e la percentuale di realizzazione dell’intero intervento (i campi disposti per riga che indicano “Totale” non vanno compilati, sarà il sistema a calcolare la somma del costo degli interventi e la percentuale di realizzazione complessiva); mentre il quadro 5 si compila allo stesso modo per gli interventi finanziati dalle sanzioni riscosse per superamento dei limiti di velocità.

Per quanto riguarda le annualità pregresse non è praticabile la trasmissione telematica e pertanto gli enti procederanno alla compilazione e alla trasmissione via e-mail all’indirizzo renato.berretta@interno.it dell’Allegato A del Decreto Interministeriale 30 dicembre 2019, n. 608 (allegato anche alla circolare) per ciascun anno con la seguente tempistica:

– anni 2012 e 2013 da presentare entro il 31 gennaio 2021;

– anni 2014 e 2015 da presentare entro il 30 giugno 2021;

– anni 2016 e 2017 da presentare entro il 31 dicembre 2021;

– anni 2018 da presentare entro il 31 marzo 2022.

Tutte le informazioni acquisite saranno inviate dal Ministero dell’Interno al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per i provvedimenti di competenza.

Ai sensi dell’ultimo periodo dell’art. 142, comma 12-quater, la percentuale dei proventi spettanti ai sensi dell’art. 142, comma 12-bis è ridotta del 30 % annuo nei confronti dell’ente che non trasmetta la relazione di cui al periodo precedente, ovvero che utilizzi i proventi di cui al primo periodo in modo difforme da quanto previsto dall’art. 208, comma 4 e dall’art. 142, comma 12-ter del C.d.s., per ciascun anno per il quale sia riscontrata una delle predette inadempienze.

Circolare Ministero dell’Interno 7 luglio 2020, prot. n. 64965

D.M. 30 dicembre 2019

Artt. 142 e 208D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285

VIDEO MEETING SU “LA VALIDAZIONE DEL PEF DELLA TARI E IL DUP 2021-2023” MERCOLEDI 23 ORE 18

VIDEO MEETING SU “LA VALIDAZIONE DEL PEF DELLA TARI E IL DUP 2021-2023” MERCOLEDI 23 ORE 18

ENTRA ATTRAVERSO IL LINK
https://us02web.zoom.us/j/89618048510

COMUNE NELLA BERGAMASCA CERCA DIPENDENTE CAT. C PER UFFICI FINANZIARI ASSUNZIONE CON MOBILITA’ O ALTRA FORMA

COMUNE NELLA BERGAMASCA CERCA DIPENDENTE CAT. C PER UFFICI FINANZIARI. ASSUNZIONE CON MOBILITA’ O ALTRA FORMA.

PER INFO CHIAMA IL N. 3911640872

COMUNE DEL BRESCIANO CERCA RESPONSABILE FINANZIARIO

COMUNE DEL BRESCIANO CERCA RESPONSABILE FINANZIARIO A TEMPO PARZIALE E DETERMINATO. ASSUNZIONE  IN FORMA DA CONCORDARE.

PER INFO CHIAMA IL N. 3911640872

MERCOLEDI’ 9 ORE 18 VIDEOMEETING SU DUP 2021-2023 TARI RENDICONTAZIONE SPESE COVID

MERCOLEDI’ 9 ORE 18 VIDEOMEETING SU DUP 2021-2023 TARI RENDICONTAZIONE SPESE COVID

ENTRA ATTRAVERSO IL LINK

ASSOCIAZIONE RESPONSABILI FINANZIARI COMUNALI “TUTTIARMONIZZATI” is inviting you to a scheduled Zoom meeting.

Topic: MERCOLEDI’ 9 ORE 18 VIDEOMEETING SU DUP 2021-2023 TARI RENDICONTAZIONE SPESE COVID
Time: Sep 9, 2020 06:00 PM Amsterdam, Berlin, Rome, Stockholm, Vienna

Join Zoom Meeting
https://us02web.zoom.us/j/89395308242

Anci Lombardia: Validazione Piani Economici Finanziari Tassa Rifiuti

Milano, 17 agosto 2020
Prot. n. 2761/2020
Circolare n. 585/2020

Ai Signori Sindaci
Assessori di competenza
Segretari Comunali
Responsabili di settore
Organi ANCI Lombardia

Oggetto: validazione Piani Economici Finanziari Tassa Rifiuti

Gentilissimi,

in risposta ad un quesito posto da ANCI Lombardia in data 27 luglio 2020, l’Autorità di Regolazione per l’Energia, Reti e Ambiente (ARERA) – Direzione Ciclo dei Rifiuti urbani e assimilati ha comunicato di aver fornito un riscontro positivo alla possibilità di “considerare l’organo di revisione del Comune come un soggetto, inteso come una specifica struttura o un’unità organizzativa, nell’ambito dell’Ente medesimo, dotato di adeguati profili di terzietà rispetto all’attività gestionale ai sensi della Delibera ARERA 57/2020/R/rif e quindi equiparare il parere dell’organo di revisione alla validazione dei PEF”.
In conseguenza di questo parere, si ritiene che i Comuni che non siano nelle condizioni di avvalersi di altre soluzioni, descritte dalle delibere ARERA n. 443/2019 e n. 57/2020, possano trasmettere all’Autorità, a titolo di validazione, il parere che l’organo di revisione dell’ente deve necessariamente esprimere sulla delibera di approvazione del Piano Economico Finanziario della tassa/tariffa rifiuti.

Cordiali saluti.

Daniele Davide Barletta
Presidente Dipartimento Servizi Pubblici Locali, Ambiente, Agricoltura e Green Economy di Anci Lombardia

Fabio Binelli
Coordinatore
Dipartimento Servizi Pubblici Locali, Ambiente, Agricoltura e Green Economy di Anci Lombardia

NOTA DI LETTURA ANCI SUL D.L. 16 LUGLIO 2020 N. 76 – D.L. “SEMPLIFICAZIONI”

 

NOTA DI LETTURA ANCI SUL D.L. 16 LUGLIO 2020 N. 76 – D.L. “SEMPLIFICAZIONI”

SCARICA LA NOTA DI LETTURA